TiSin, CCL e salario minimo: tanti nodi da sciogliere

Lavoro

Fa discutere il caso delle tre aziende che vorrebbero sottoscrivere un CCL con retribuzioni inferiori a quelle previste dalla nuova legge - L’organizzazione è un sindacato? Stefano Rizzi: «In caso di divergenze si esprimeranno i tribunali»

 TiSin, CCL e salario minimo: tanti nodi da sciogliere
© CdT/ Chiara Zocchetti

TiSin, CCL e salario minimo: tanti nodi da sciogliere

© CdT/ Chiara Zocchetti

Sta facendo parecchio discutere il caso delle tre ditte del Mendrisiotto che, tramite l’organizzazione TiSin, vorrebbe far firmare ai propri dipendenti dei contratti collettivi di lavoro che, di fatto, congelerebbero le retribuzioni attuali, pari a 15-16 franchi lordi all’ora. Già, perché in questo modo le stesse aziende non sarebbero tenute ad applicare il salario minimo, che prevede una prima soglia minima di 19 franchi all’ora.

Un imbroglio, hanno tuonato i sindacati UNIA e OCST, che proprio oggi terranno una conferenza stampa. La Lega ha mostrato la sua vera faccia, hanno fatto eco ieri dal comitato cantonale del partito socialista. Cosa c’entra il movimento di via Monte Boglia in questa vicenda? Presto detto: TiSin è presieduta dall’ex sindacalista Nando Ceruso, mentre la vicepresidente è la deputata Sabrina Aldi, con Boris Bignasca membro della direzione. Et voilà, la questione assume anche contorni politici.

Torniamo alla questione CCL e salario minimo. Basta firmare un contratto collettivo che prevede retribuzioni inferiori a 19 franchi all’ora per evitare di doversi adattare alla misura entro fine 2021?

Premettendo che l’autorità non si esprime su casi specifici e concreti, che comunque sono oggetto di trattative private, il direttore della Divisione economia Stefano Rizzi ci spiega che «sono esclusi dal campo di applicazione della Legge sul salario minimo i rapporti di lavoro che sottostanno a un CCL con salari minimi vincolanti. Questa eccezione è espressamente prevista all’art. 13 della Costituzione cantonale».

Le autorità cosa possono fare a questo punto? «Va precisato che un CCL è di natura prettamente privata e non si limita a fissare dei salari minimi ma regola anche aspetti come vacanze, orari di lavoro, indennità varie ecc...»., puntualizza Rizzi. Per quanto riguarda i controlli spiega poi che «con l’entrata in vigore dei salari minimi obbligatori dal mese di dicembre, si avvierà anche la relativa strategia di controllo. Nell’ambito di questi controlli per la verifica del salario minimo potrebbe emergere la questione a sapere se si è in presenza di un CCL validamente sottoscritto».

Chiarito questo punto, resta ora da affrontare un’altra questione: TiSin è un sindacato a tutti gli effetti? E, dunque, un CCL sottoscritto con la sua mediazione è valido? Da statuto, TiSin è un’organizzazione per il lavoro. E dunque? «In caso di divergenze di interpretazione in ultima analisi saranno i tribunali a doversi esprimere, sia in ambito privato sia in ambito pubblico», spiega Rizzi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    La Città dai piedi di argilla e le sue paure

    FINANZE

    Bellinzona, via libera del Legislativo al consuntivo 2020 chiusosi con un disavanzo di 6,95 milioni di franchi - Le critiche sono giunte da tutti gli schieramenti politici, preoccupati per il futuro tutt’altro che roseo - Il sindaco Mario Branda: «Siamo chiamati a reinventarci»

  • 2

    Mendrisio non vede l’ora di avere un enorme parco

    Legislativo

    Accolto all’unanimità il messaggio da 8 milioni di franchi per l’espropriazione della parte alta del comparto verde di Villa Argentina - L’operazione sarà seguita dalla creazione di un’immensa area pubblica e i partiti hanno espresso i loro auspici e desideri - Accolta anche la richiesta a stare in lite con gli eredi Fontana

  • 3
  • 4
  • 5

    Fermi tutti: riecco il voto per alzata di mano

    BELLINZONA

    Problemi tecnici al voto elettronico impongono il ritorno, momentaneamente, alle origini - I tecnici sono al lavoro per risolvere l’inghippo, ma intanto per una volta il plenum segue il consiglio di Matteo Pronzini

  • 1
  • 1