Strade

Traffico congestionato alle estremità del Ticino

Scende a dieci chilometri la coda al portale nord del San Gottardo - Aumenta però quella dal lato opposto della galleria così come l’attesa al valico di Brogeda

Traffico congestionato alle estremità del Ticino
Foto Putzu

Traffico congestionato alle estremità del Ticino

Foto Putzu

BERNA - Con l’inizio delle vacanze estive i viaggiatori diretti a Sud devono dar prova oggi di grande pazienza: la coda di veicoli davanti al portale nord della galleria del San Gottardo questa mattina non è mai stata inferiore ai 10 chilometri, dopo aver raggiunto, intorno alle 6.30, il picco dei 13 chilometri.

I tempi di attesa sull’autostrada A2 nel canton Uri tra Erstfeld e Göschenen erano questa mattina di circa due ore, secondo il sito web del Touring Club Svizzero (TCS). E nella tarda mattinata quando, la coda era di 10 chilometri, i tempi di attesa per attraversare la galleria erano comunque di un’ora e 40 minuti.

Come alternativa al tunnel del San Gottardo il TCS raccomanda quindi di optare la strada del passo o l’autostrada A13 del San Bernardino.

Coda anche a Brogeda

Attese e incolonnamenti si sono registrati anche più a sud, alla frontiera internazionale Chiasso-Brogeda in direzione dell’Italia.

Questo weekend coincide con l’inizio delle vacanze scolastiche nel cantone di Zurigo, oltre che nel land tedesco della Renania settentrionale-Wesfalia e nelle province settentrionali dei Paesi Bassi. In altri cantoni svizzeri le vacanze sono invece cominciate già la settimana scorsa.

Verso nord

Anche fra Quinto e Stalvedro, nel frattempo, sono cominciate a crearsi coda, peggiorate ulteriormente quando, poco prima delle 13, è anche stato chiuso il raccordo di Airolo in entrata verso l’autostrada. Le attese sono stimate in questo caso in tre quarti d’ora.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Ticino
  • 1