Traffico lento, se l'idea è indigesta

Il Municipio di Lavizzara scrive alla Commissione trasporti del Locarnese

PRATO SORNICO – La Commissione intercomunale dei trasporti (Cit) del Locarnese e Vallemaggia mette paura al Comune di Lavizzara: il Municipio ha infatti inviato ai vertici dell?ente una allarmata missiva, lamentandosi per l?intenzione – anticipata dal presidente, il municipale di Locarno Paolo Caroni – di volere privilegiare in futuro il traffico lento anche sulla strada cantonale della Vallemaggia. «Abbiamo compiuto grandi sforzi per costruirci un futuro nella nostra terra», scrive l?Esecutivo, «e riteniamo che questo obiettivo debba essere condiviso anche dagli organismi regionali e dai poli urbani». Di conseguenza, «il contributo della Cit dovrebbe consistere nell?elaborare una strategia della mobilità che sia fondata sul principio di creare – o mantenere, dove già ci sono – delle vie d?accesso rapide e dirette verso i centri urbani, meta quotidiana dei numerosi lavoratori pendolari che abitano nelle zone periferiche».

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
    Sport e tempo libero

    Riparato il buco, la riapertura della pista di Chiasso non è lontana

    La struttura del ghiaccio potrebbe essere di nuovo agibile in tempi più brevi rispetto a quanto temuto – I tecnici stanno sanando sanand il problema della fuoriuscita di CO2 dall’impianto di refrigerazione – Buone notizie per le società sportive cittadine che hanno dovuto migrare

  • 3
    PANDEMIA

    «Over 65, prenotatevi subito per la dose di richiamo»

    A breve, la possibilità di iscriversi alla somministrazione del booster verrà estesa anche all’insieme della popolazione vaccinata da oltre sei mesi – È quindi determinante che le persone di 65 anni o più che desiderano ricevere il richiamo non attendano oltre e si annuncino

  • 4
    CARNEVALI

    «Nel centro storico niente mescite esterne»

    Bellinzona: il Municipio fa un po’ di chiarezza in merito a quello che succederà nel salotto buono in occasione del Rabadan light - Per quanto riguarda il dispositivo di sicurezza se ne saprà di più in gennaio - Mauro Minotti: «La decisione di non concedere l’autorizzazione per i bagordi tradizionali è oggi ancora più giustificata dalla crescita dei contagi da coronavirus»

  • 5
  • 1