Trentanove decreti d'accusa per i disordini della Valascia

Diciotto delle persone che sono finite nel mirino della giustizia sono domiciliate in Ticino

Trentanove decreti d'accusa per i disordini della Valascia

Trentanove decreti d'accusa per i disordini della Valascia

LUGANO - Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale hanno comunicato che si sono conclusi gli accertamenti di natura penale riguardanti i disordini scoppiati a margine dell'incontro di hockey su ghiaccio del 14 gennaio di quest'anno fra l'Ambrì Piotta padrone di casa e il Losanna. Il Sostituto procuratore generale Nicola Respini ha emanato 39 decreti di accusa (7 dei quali con rinvio a giudizio di fronte a una Corte delle assise Correzionali in caso di opposizione) nei confronti di coloro che hanno partecipato a vario titolo e con varie responsabilità ai fatti. Si tratta di 18 persone domiciliate in Ticino, 13 nel canton Vaud, 6 in altri cantoni e due in Germania. Le principali ipotesi di reato sono quelle di sommossa, violenza contro funzionari, danneggiamento e dissimulazione del volto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
    IL CASO

    La Golena fra eventi e pipistrelli

    Bellinzona: giudicata a sorpresa ricevibile la mozione che chiedeva di trasformare il polmone verde in riva al fiume Ticino in un luogo di aggregazione - Adesso si dovrà approfondire come rendere la zona più attrattiva e fruibile - Ok al regolamento sociale e a quello per il sostegno alle associazioni

  • 2
    SOTTO I RIFLETTORI

    La Città diventa biancoblù e scende in pista

    Bellinzona: dopo mesi di accese discussioni il Legislativo approva a maggioranza il contributo straordinario per la Gottardo Arena di Ambrì - Il sostegno sarà di 250.000 franchi, metà di quello previsto inizialmente - No della sinistra alternativa e della destra (a parte il presidente leghista Sacha Gobbi) - Il sindaco Mario Branda: «Non siamo dei filantropi, le valli hanno qualcosa da offrire»

  • 3
    Sinergie

    Verzasca e Piano più uniti dalla storia

    Lettera d’intenti fra la Fondazione del parco e l’associazione del Museo della valle con l’obiettivo di sviluppare punti di contatto in diversi ambiti: dalla raccolta di oggetti alla ricerca

  • 4
  • 5
  • 1