Trentanove decreti d'accusa per i disordini della Valascia

Diciotto delle persone che sono finite nel mirino della giustizia sono domiciliate in Ticino

Trentanove decreti d'accusa per i disordini della Valascia

Trentanove decreti d'accusa per i disordini della Valascia

LUGANO - Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale hanno comunicato che si sono conclusi gli accertamenti di natura penale riguardanti i disordini scoppiati a margine dell'incontro di hockey su ghiaccio del 14 gennaio di quest'anno fra l'Ambrì Piotta padrone di casa e il Losanna. Il Sostituto procuratore generale Nicola Respini ha emanato 39 decreti di accusa (7 dei quali con rinvio a giudizio di fronte a una Corte delle assise Correzionali in caso di opposizione) nei confronti di coloro che hanno partecipato a vario titolo e con varie responsabilità ai fatti. Si tratta di 18 persone domiciliate in Ticino, 13 nel canton Vaud, 6 in altri cantoni e due in Germania. Le principali ipotesi di reato sono quelle di sommossa, violenza contro funzionari, danneggiamento e dissimulazione del volto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
    Viabilità

    Quel cantiere italiano che fa paura

    Al via oggi i 400 giorni di lavori sulla statale tra Maccagno e Luino e si teme un aumento del traffico nel Malcantone - Lanciato l’allarme al Consiglio di Stato: «Siamo preoccupatissimi»

  • 3
    AMIANTO

    Quando fu bloccata la «fabbrica dei veleni»

    Mentre alle Officine FFS di Bellinzona si sta cercando di fare piena luce sulle morti di alcuni operai dovute alla pericolosa sostanza torna alla mente la protesta dei cittadini di Balerna contro l’insediamento della ditta Boxer Asbestos

  • 4
    Malcantone

    Misure slittate: adesso è dura

    I progetti per fluidificare la circolazione hanno un anno di ritardo - Così due dei tre cantieri previsti saranno in concomitanza con quello sul Verbano

  • 5
  • 1