Un anno fa primo contagio in Svizzera

Coronavirus

Il caso 1 nella Confederazione si è verificato in Ticino, con la positività al test di un 70.enne che era rientrato da poco da un soggiorno a Milano

Un anno fa primo contagio in Svizzera
©KEYSTONE/Alessandro Crinari

Un anno fa primo contagio in Svizzera

©KEYSTONE/Alessandro Crinari

Un anno fa la Svizzera annunciava il suo primo caso di Covid-19. Il 25 febbraio del 2020, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) comunicava che un 70.enne ticinese era risultato positivo al test sul coronavirus, dopo essere rientrato da un soggiorno a Milano.

Da allora, oltre 23.300 persone hanno dovuto essere ricoverate in ospedale e 9’256 persone sono decedute in Svizzera a causa del virus. Oltre 552’000 casi sono stati confermati in laboratorio, ovvero 6’393 ogni 100’000 abitanti. Dopo una prima ondata nella scorsa primavera, il numero di casi ha di nuovo cominciato a crescere in autunno, obbligando il Consiglio federale a prendere nuove misure di semi-confinamento per arginare la pandemia.

Da dicembre le mutazioni del virus, più contagiose, preoccupano le autorità. Il 24 dicembre, la nuova variante in provenienza dalla Gran Bretagna è stata scoperta in Svizzera in due campioni. Alcuni giorni più tardi, l’UFSP ha indicato di aver individuato due casi della variante sudafricana. Infine, il 9 febbraio scorso, un caso della variante brasiliana è stato identificato per la prima volta nel Paese.

Il maggior numero di contagi quotidiani nel corso della prima ondata era stato registrato il 23 marzo 2020 con 1’464 casi, ma all’epoca si testavano soltanto le persone con sintomi. Durante la seconda ondata, una cifra record è stata stabilita il 2 novembre con 10’559 casi giornalieri.

Il tasso di positività più elevato della prima ondata è stato registrato il 30 marzo, con il 19,9%, mentre nella seconda ondata il 4 novembre il 27,4% delle persone sottopostesi a un test è risultato positivo.

Circa 33 milioni di dosi di vaccino

Finora, oltre 866’400 dosi di vaccino sono state consegnate ai cantoni, di cui 675’500 sono state somministrate. Quasi 173’400 persone ha già ricevuto due dosi. La Svizzera ha firmato contratti con cinque fabbricanti per un totale di circa 33 milioni di dosi.

La Confederazione si è finora impegnata a stanziare un totale di 50 miliardi di franchi per sostenere la sua economia. I fondi sono stati versati o saranno versati per le indennità in caso di lavoro ridotto (20 miliardi), per le indennità di perdita di guadagno (7,5 miliardi), per il programma di crediti Covid-19 della scorsa primavera (17 miliardi) e per i programmi di aiuto alle persone in difficoltà (2,5 miliardi).

Inoltre, sono stati decisi altri aiuti finanziari per i settori dell’aviazione (1,9 miliardi di franchi), dei trasporti pubblici (700 milioni), della cultura (400 milioni) e dello sport (350 milioni).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Piazza Grande e Città Vecchia due perle da lucidare in fretta

    Elezioni comunali

    Il futuro del salotto buono di Locarno e del quartiere storico, fra progetti di riqualifica ed eventuale pedonalizzazione, sono i temi principali affrontati nell’ultimo confronto tra i candidati al Municipio in vista dell’appuntamento con le urne fissato per il 18 aprile

  • 3

    A 10 anni dal raddoppio leghista

    Partiti

    Il 10 aprile 2011 in Ticino ci fu una sorta di rivoluzione con l’elezione di tre nuovi consiglieri di Stato e la conquista da parte della Lega del secondo seggio in Governo a svantaggio del PLR - I ricordi, le valutazioni e gli aneddoti con i protagonisti di allora

  • 4

    Ospedale Civico: «Non confondete contenuto e contenitore»

    Sanità

    Il Municipio di Lugano difende l’EOC e la scelta di rinunciare all’importante aumento volumetrico dell’ospedale:«Non ci sarà alcuna perdita di competenze e il nosocomio continuerà a essere la punta di diamante della sanità ticinese»

  • 5

    Un progetto architettonico che fa riemergere la storia

    Bellinzona

    Nuovo complesso residenziale in arrivo in uno degli ultimi angoli non ancora edificati a ridosso del centro - Sorgerà a due passi dalle Officine sulla proprietà «Al Pianton» sviluppata dalla famiglia Bonzanigo sin dall’Ottocento: comprende una villa che sarà mantenuta

  • 1
  • 1