Un cantone sempre più vecchio che desidera tornare giovane

Società

Il Ticino negli ultimi anni ha perso abitanti: al momento si tratta di un malessere demografico, ma a lungo andare potrebbe trasformarsi in un problema - Il professore di economia politica Vincenzo Galasso: «La mancanza di una vera specializzazione economica è penalizzante»

 Un cantone sempre più vecchio che desidera tornare giovane
© CdT/ Chiara Zocchetti

Un cantone sempre più vecchio che desidera tornare giovane

© CdT/ Chiara Zocchetti

Il Ticino ha smesso di crescere. Di più: fra il 2017 e il 2019, il cantone ha perso abitanti. Il saldo naturale è ai minimi, mentre quello migratorio – per lungo tempo essenziale in termini di crescita della popolazione – non riesce più a chiudere le falle di un sistema fragile. Per ora, dicono gli esperti, si tratta di un malessere demografico. Un malessere che tuttavia – se la tendenza dovesse proseguire – potrebbe ben presto trasformarsi in problema. Perché dietro alle nascite, allo sviluppo delle nuove generazioni, c’è il benessere di tutti noi. E se i saldi legati a nascite/decessi e arrivi/partenze viaggiano costantemente con il segno meno, significa che prima o poi ne pagheremo il prezzo in termini sociali, economici, scolastici, politici. Per approfondire questa importante tematica,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Quel divieto emanato a fine estate e la salute mentale traballante

    FATTI DI SOLDUNO

    La decisione intimata al 20.enne sangallese dal pretore di non avvicinarsi alla giovane, sua ex compagna, risale a poche settimane fa - Intanto sul ragazzo verrà eseguita una perizia psichiatrica, in quanto è «psichicamente instabile da molto tempo», afferma il suo avvocato difensore

  • 2
  • 3

    I molinari «occupano» il parco di Villa Saroli

    Lugano

    Molinari dapprima in piazza, ombrelli con il sole per non farsi filmare e poi nel parco, che potrebbe essere occupato sino a tarda notte - Va in scena a Lugano un’altra manifestazione del Centro sociale il Molino (CSOA) e i sostenitori dell’autogestione: «Contro ogni gabbia, scateniamo la nostra rabbia!» - Catene sul cancello del Municipio, almeno 200 i presenti - FOTO e VIDEO

  • 4
  • 5

    «Passi da gigante nella sicurezza delle gallerie»

    L’anniversario

    Le indagini per la tragedia di vent’anni fa nel San Gottardo furono condotte da Antonio Perugini secondo cui oggi i tunnel stradali sono i posti meno pericolosi per chi gli automobilisti: «Con le misure odierne dieci delle vittime si sarebbero potute salvare»

  • 1
  • 1