Un salario dignitoso? I pareri divergono

Il progetto

Se in Commissione è stato trovato un compromesso condiviso praticamente da tutti i partiti, UNIA e AITI rimangono scettici sull’applicazione della misura

Un salario dignitoso? I pareri divergono

Un salario dignitoso? I pareri divergono

Milleseicentoventisei giorni per giungere a un primo compromesso sullo spinoso dossier del salario minimo in Ticino. Ad oltre quattro anni dal sì popolare all’iniziativa «Salviamo il lavoro in Ticino», la Commissione della gestione è giunta ieri a una proposta condivisa da PS, Verdi, PPD e Lega dei Ticinesi (il PLR si esprimerà sulla questione oggi).

Una soluzione di compromesso«Abbiamo deciso per una forchetta il più possibile vicina all’obiettivo che ci eravamo prefissi, ovvero quello di 20 franchi l’ora, che è un salario sociale in linea con le prestazioni complementari e con gli altri Cantoni che hanno già adottato un salario minimo (Neuchâtel e Giura, ndr)» chiarisce il capogruppo dei socialisti Ivo Dürisch (PS). Sul fronte ecologista, Samantha Burgoin, anch’essa relatrice del rapporto,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1