Una scossa da 11 milioni

Mobilità

Esaurito il credito approvato due anni fa, il Consiglio di Stato propone nuovi incentivi per favorire l’acquisto di auto e moto totalmente elettriche e sostituire quelle ormai vecchie e più inquinanti - Si punta anche sull’installazione di sistemi di ricarica domestici e sul posto di lavoro

Una scossa da 11 milioni
© CdT/Putzu

Una scossa da 11 milioni

© CdT/Putzu

Undici milioni per promuovere la svolta «green» sulle strade ticinesi. L’incentivo arriva dal Consiglio di Stato, con un messaggio che punta a stimolare l’acquisto di veicoli totalmente elettrici, ma anche a promuovere il potenziamento dell’infrastruttura di ricarica elettrica (domestica e sul posto di lavoro). Il settore della mobilità determina circa un terzo del consumo di energia e delle emissioni di CO2 e rappresenta uno dei settori più critici. «In questo quadriennio - commenta il consigliere di Stato Claudio Zali - il Dipartimento del territorio ha cercato di premere sull’acceleratore per quanto concerne tutta la politica volta alla sostenibilità. Il nostro obiettivo è impostare una politica ambientale non puntando sui divieti e le imposizioni, ma mettendo a disposizione gli incentivi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Permesso B, cade il «centro degli interessi»

    PERMESSI

    Le recenti sentenze del Tribunale federale superano i parametri messi in atto dalla Sezione della popolazione e dall’Ufficio della migrazione, che vengono quindi adattati – Il mantenimento di un permesso presuppone un minimo di presenza sul territorio svizzero, stabilito con la notifica di partenza o un soggiorno all’estero di sei mesi»

  • 2

    «È omicidio colposo, va scarcerato»

    IL PROCESSO

    La difesa contesta il pesante atto d’accusa di assassinio nei confronti del 32.enne alla sbarra per il delitto di Muralto - «Ha provocato la morte della sua partner, ma non voleva ucciderla»

  • 3

    Moratoria sulla libera circolazione, Berna dice «no» a Marco Chiesa

    FRONTALIERI

    A detta di Karin Keller-Sutter, non siamo di fronte a un grave perturbamento del mercato del lavoro tale da giustificare la convocazione urgente del Comitato misto Svizzera-Ue – «Il Ticino è vittima del suo successo»: sviluppo economico e piccolo mercato del lavoro

  • 4

    Addio a «livelli A e B» in terza media, cosa ne pensate?

    SCUOLA

    È la domanda che il DECS pone agli attori che operano all’interno della scuola media e superiore, ma anche ad attori amministrativi, politici, associativi e ai genitori, mettendo in consultazione la sua proposta di superamento dei corsi A e B in matematica e tedesco – C’è tempo fino al 23 dicembre per esprimersi

  • 5
  • 1
  • 1