Vandalismi al Liceo

Bellinzona

Materiale in fumo nelle toilette: denuncia contro ignoti per tre episodi prima di Natale

Vandalismi al Liceo

Vandalismi al Liceo

Episodi di vandalismo si sono verificati al Liceo di Bellinzona nei giorni immediatamente precedenti le festività e le vacanze natalizie. Tra il 18 e il 21 dicembre nelle toilette, in tre occasioni, è stato dato fuoco a del materiale, a quanto pare dei rotoli di carta igienica. Atti vandalici di cui si ignora il movente e per ora anche la paternità. «A tutt’oggi gli autori sono sconosciuti», spiega l’Ufficio stampa della Polizia cantonale a cui ci siamo rivolti per una conferma dell’accaduto. I casi di cui la Polizia è a conoscenza sono tre. Ad ogni modo gli episodi non avrebbero creato particolare scompiglio. In sostanza l’obiettivo era probabilmente quello di generare del fumo, come in effetti è avvenuto. Secondo le nostre informazioni non ci sarebbe dunque stato nessun principio d’incendio...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Superare la logica dei “like” e costruire ponti anziché muri»

    Intervista

    A colloquio con don Maurizio Silini, nuovo parroco della Collegiata di Bellinzona: «Provo ogni mattina a distruggere in me l’immagine precostituita che tendo a farmi dell’altro» - Ai ragazzi finiti sotto ai riflettori per alcune risse in città: «È un peccato accumulare rancori già da giovani»

  • 2
  • 3

    Un rumore bestiale per scacciare i cinghiali

    Luganese

    Ha avuto luogo un’operazione di allontanamento attorno al laghetto di Origlio: gli animali sono troppi e si avvicinano all’abitato - Ma non si escludono operazioni più incisive

  • 4
  • 5

    Migranti problematici a Chiasso: due promesse e una lettera

    Disordini

    La Segreteria di Stato della migrazione ha risposto alle richieste del Municipio in merito ai richiedenti l’asilo che disturbano la quiete pubblica - Garantiti più controlli e segnalazioni alla polizia per i profughi che trascorrono la notte all’aperto - Ma partirà un’altra missiva

  • 1
  • 1