La mostra

Grandi nomi a Milano
Da van Gogh a Picasso

Grandi nomi a Milano <br />Da van Gogh a Picasso
Il Palazzo Ducale, di Claude Monet

Grandi nomi a Milano
Da van Gogh a Picasso

Il Palazzo Ducale, di Claude Monet

Grandi nomi a Milano <br />Da van Gogh a Picasso
Les joueurs de foot, di Rousseau

Grandi nomi a Milano
Da van Gogh a Picasso

Les joueurs de foot, di Rousseau

«Se la storia di una famiglia di collezionisti d’arte s’interseca con quella del XX secolo, attraverso i percorsi dei maestri dell’Impressionismo, del post-impressionismo e delle avanguardie, per sfociare in uno dei più grandi musei del mondo ecco che i cinquanta capolavori esposti nel milanese Palazzo Reale assumono un rilievo che merita di essere approfondito e raccontato». Così l’incipit dell’articolo firmato da Matteo Airaghi uscito nei giorni scorsi sul nostro giornale dedicato alla prestigiosa collezione della famiglia Thannhauser, in mostra a palazzo Reale a Milano fino al primo marzo 2020. Un’esposizione unica nel suo genere al centro della gita fuori porta organizzata il prossimo primo febbraio dai Viaggi del corriere del Ticino in collaborazione con l’agenzia Dreamstravel.

Paul Cézanne, Pierre‐Auguste Renoir, Edgar Degas, Paul Gauguin, Edouard Manet, Claude Monet, Vincent van Gogh, Pablo Picasso. Una cinquantina di capolavori finora mai usciti dagli Stati Uniti che potrete ammirare insieme alla guida la mattina del primo febbraio nelle sale di Palazzo Reale.

La mostra, intitolata «Guggenheim. La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso», racconta la straordinaria collezione donata nel 1965 dalla famiglia alla Fondazione Solomon R. Guggenheim, che da allora la espone in modo permanente in una sezione del grande museo di New York. «Dopo aver vissuto per cinquecento anni in Germania – aveva dichiarato Justin Thannhauser dopo aver perso i figli e la prima moglie – la mia famiglia è ora estinta. Per questo desidero donare la mia collezione». Con questo gesto filantropico – come ricorda il sito ufficiale di Palazzo Reale - l’opera di tutta la vita di Thannhauser trovò infine il suo significato.

Una grande storia di mecenatismo che verrà pure ripercorsa da Matteo Airaghi: sarà proprio il responsabile della cultura del Corriere del Ticino ad accompagnare insieme a Prisca Dindo i partecipanti di questa gita fuoriporta all’insegna della grande arte. Per qualsiasi informazione, consultate il sito viaggi.cdt.ch.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Viaggi
  • 1