Il consiglio

I giochi dei bambini
per trasferte leggere

I giochi dei bambini <br />per trasferte leggere
Giochi da fare usando fantasia, astuzia e memoria

I giochi dei bambini
per trasferte leggere

Giochi da fare usando fantasia, astuzia e memoria

«Mamma, papà, quanto manca?». Questo ritornello è familiare a moltissimi genitori che affrontano lunghi viaggi in macchina con i propri figli. I piccoli di casa, soprattutto se legati al seggiolino, finiscono per annoiarsi molto presto e, senza alcun gioco da fare, rischiano di trasformare il viaggio in un vero e proprio incubo. Per questo è molto utile avere sempre qualche passatempo a disposizione da proporre ai propri pargoli in base alla loro età.

Un’occasione per stimolare la creatività mentale
Un’occasione per stimolare la creatività mentale

Se videogiochi e tablet hanno ormai preso sempre il posto di pupazzetti e macchinine, il consiglio, però, è fare tutti assieme giochi con le parole, utilizzando fantasia, astuzia e memoria. Nella prima categoria ricadono il gioco dei contrari – in cui vince il primo che dice la parola opposta a quella pronunciata dal conducente – il gioco delle rime o quello della catena di parole – in cui, seguendo uno stesso ordine, si devono pronunciare parole che inizino con l’ultima sillaba di quella precedente.

I viaggi con i bambini possono essere anche un’ottima occasione per tenere viva la loro creatività e stimolare fantasia e memoria.

Per i più piccoli si può optare per il gioco del bastimento, in cui si inizia con la frase «arriva un bastimento carico carico di animali che...» e si dice o l’azione o il verso. Un altro passatempo è quello del «chi vede per primo»: che sia una macchina di un determinato colore, un campanile, un animale o una casa dalla tonalità particolare poco importa. Un grande classico è il gioco dei numeri delle targhe: vince il bambino che fa la somma più veloce delle cifre della targa dell’auto che precede la propria.

Si può anche proporre di indovinare un oggetto misterioso. Una persona pensa a qualcosa; tutti gli altri devono porre domande, a turno, per individuarla. Chi ha immaginato l’oggetto può rispondere solo con sì o no. Se poi i genitori sono pronti a mettersi in gioco, si può pensare di inventare una storia tutti assieme. Svolgere insieme queste attività contribuirà non solo a creare un clima di condivisione, ma anche a far passare il viaggio più velocemente.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Viaggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
    Festa della donna

    L’8 marzo? A spasso
    con le amiche!

    Ci sono molti modi per celebrare la festa Internazionale della donna. Tra mimose e cortei, c’è chi preferisce onorarla con una gita fuori porta con una compagnia tutta al femminile. Emergenza sanitaria permettendo

  • 5
    La destinazione

    Itineriari imperdibili
    nella Puglia autunnale

    In autunno il Corriere del Ticino vi porta alla scoperta delle terre di Federico II. Bari, Bitonto, Altamura, Trani, Molfetta, cinque giorni inseguendo le testimonianze architettoniche del sovrano illuminato

  • 1