Il viaggio

Lea, da Bellinzona
al flamenco di Siviglia

Lea, da Bellinzona <br />al flamenco di Siviglia
Lea Pedrazzi, da Bellinzona a Siviglia per studiare il flamenco

Lea, da Bellinzona
al flamenco di Siviglia

Lea Pedrazzi, da Bellinzona a Siviglia per studiare il flamenco

Questa è la storia di Lea Pedrazzi, nata a Bellinzona e oggi una giovane promessa del flamenco. Da due anni frequenza una scuola a Siviglia, specializzata nello studio e nell’esecuzione del tipico ballo spagnolo, a cui solo pochi selezionati possono accedervi. Quella di Lea è stata decisamente una scelta coraggiosa, presa subito al termine degli studi liceali.

«Ballo fin da quando ero piccola, questa è una passione che ho da sempre», racconta Lea al Corriere (guarda il video), che aggiunge: «Ho scelto questa città perché è una tradizione andalusa, ma anche perché qui c’è un bel mix di artisti che si riuniscono in questa città».

«Questo luogo ha qualcosa di magico e lo consiglio a tutti, c’è un’atmosfera unica e tantissimi spettacoli», conclude Lea, che manda «un saluto speciale al Ticino».

Loading the player...
Guarda il video!
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Viaggi
  • 1

    Un’onda
    vi travolgerà

    Sulla facciata di uno dei più palazzi nel cuore di Seoul è stata riprodotta la più grande illusione anamorfica del mondo: una gigantesca onda che sembra infrangersi contro un vetro

  • 2
    nuove tendenze

    Le sfide del turismo nel Ticino post pandemia

    Elia Frapolli ci spiega come il turismo si sposterà verso modi diversi di svagarsi - Le nuove destinazioni? I luoghi immersi nella natura saranno il trend della prossima estate

  • 3
    Coronavirus

    Voleremo così
    dopo l’emergenza?

    Per evitare che gli aerei partano mezzi vuoti a causa del distanziamento sociale, occorrono nuove idee. Un’azienda italiana propone poltrone anti-contagio pensate soprattutto per la classe Economy

  • 4
    TOUR VIRTUALI

    Mai stati in una tomba
    dell’Antico Egitto?

    Prima dell’emergenza da coronavirus occorreva recarsi fino in Egitto per scoprirla. Ora la meravigliosa tomba di Menna e molti altri gioielli dell’antichità egiziana sono visitabili grazie a tour virtuali promossi dal ministero del turismo egiziano

  • 5
    #Coronavirus

    La pandemia
    sui muri

    Sotto l’hashtag #coronastreetart si trovano diversi capolavori dipinti da artisti di strada in questi giorni di emergenza sanitaria. Ecco una selezione delle opere più belle prodotte in tutto il mondo

  • 1