Destinazioni

Perdersi tra i canali
della Venezia del Nord

Perdersi tra i canali <br />della Venezia del Nord
Amsterdam è una città vibrante e poliedrica, che soddisfa gli amanti della storia e dell’arte, ma anche quelli della trasgressione

Perdersi tra i canali
della Venezia del Nord

Amsterdam è una città vibrante e poliedrica, che soddisfa gli amanti della storia e dell’arte, ma anche quelli della trasgressione

Da sopra, su una delle tante biciclette in affitto, da sotto, su una barca o un battello, o passeggiando sulle sponde e attraversando i suoi ponti con una macchina fotografica in mano: è impossibile scoprire Amsterdam senza il piacere di perdersi tra i suoi innumerevoli canali, uno dei simboli di quella che viene spesso definita la «Venezia del Nord». La capitale olandese va però ben oltre i sui 165 canali, che coprono oltre 50 chilometri, offrendo ai visitatori un mix unico tra ricchissimi musei e architetture storiche e un’atmosfera vibrante e trasgressiva, data soprattutto dal quartiere a luci rosse e dalla possibilità di fumare marijuana nei coffee shop cittadini.

Il Van Gogh Museum ospita la più ampia collezione di dipinti di Van Gogh del mondo
Il Van Gogh Museum ospita la più ampia collezione di dipinti di Van Gogh del mondo

Amsterdam è sicuramente una città che soddisfa gli appassionati di arte e storia. Il Rijksmuseum (Museo Nazionale) è il più importante museo olandese e si trova in Museumplein (piazza dei Musei), curata piazza-parco di cui fanno parte anche il Van Gogh Museum - dove si trova la più ampia collezione di dipinti di Van Gogh del mondo - e lo Stedelijk Museum, museo di arte moderna e contemporanea. Un luogo carico di storia ed emozione è inoltre la casa di Anna Frank, quella dove la bambina scrisse il suo famoso diario.

Un’icona della città è piazza Dam, che può essere definita il cuore pulsante di Amsterdam: in ogni periodo dell’anno, la piazza ciottolata si anima di fiere, giostre, mercatini e artisti di strada. Qui si trovano il Palazzo Reale (Koninklijk Paleis), la Chiesa Nuova (Niewe Kerke) e il Nationaal Monument, un obelisco di 22 metri a ricordo delle vittime della Seconda guerra mondiale. Una tappa d’obbligo è il Bloemenmarkt, il mercato dei fiori della città. Su delle chiatte ancorate lungo il canale Singel, tra Muntplein e Koiningsplein, tanto da sembrare una via di negozi, ci si immerge tra tulipani, narcisi e bulbi di ogni tipo.

Appena più fuori c’è Joordan, il vecchio quartiere operaio di Amsterdam che nel boom dei traffici commerciali ospitava, tra sovraffollamento e miseria, fiamminghi, spagnoli, ebrei e ugonotti alla ricerca di lavoro. Negli ultimi anni la zona è stata però interessata da una netta riqualificazione e oggi Joordan ospita boutique indipendenti, studi di artisti e ristoranti chic. Chi durante una giornata in visita al centro storico, invaso dai turisti in ogni stagione dell’anno, cerca un po’ di tranquillità può dirigersi al Begijnhof, un antico convento di suore. Oggi l’area è un semplice parco abitato da studenti e anziani, ma ha conservato la tranquillità e la pace delle sue origini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Viaggi
  • 1
  • 2

    Un’onda
    vi travolgerà

    Sulla facciata di uno dei più palazzi nel cuore di Seoul è stata riprodotta la più grande illusione anamorfica del mondo: una gigantesca onda che sembra infrangersi contro un vetro

  • 3
    nuove tendenze

    Le sfide del turismo nel Ticino post pandemia

    Elia Frapolli ci spiega come il turismo si sposterà verso modi diversi di svagarsi - Le nuove destinazioni? I luoghi immersi nella natura saranno il trend della prossima estate

  • 4
    #Coronavirus

    La pandemia
    sui muri

    Sotto l’hashtag #coronastreetart si trovano diversi capolavori dipinti da artisti di strada in questi giorni di emergenza sanitaria. Ecco una selezione delle opere più belle prodotte in tutto il mondo

  • 5
  • 1