Podcast

Città più vive che mai, lo sappiamo grazie alle api

I protagonisti della puntata del 29 luglio 2022 di CdTalk - L'ospite sono Marco Moretti e Joan Casanelles Abella, ricercatori dell'Istituto federale per la foresta, la neve e il paesaggio
Uno studio che ha sorpreso i ricercatori del WSL, l'istituto federale per la foresta, la neve e il paesaggio
Jona Mantovan
29.07.2022 05:00

Oggi, nel podcast del Corriere del Ticino, si va a Birmensdorf. Qui, infatti, c’è la sede principale dell’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio, conosciuto anche con la sigla “WSL”, acronimo in lingua tedesca di “Wald, Schnee und Landschaft”. Si tratta di una realtà di primo piano nella ricerca ambientale. E, infatti, una delle ultime e più sorprendenti scoperte—che ha stupito un gruppo di ricerca guidato dal ticinese Marco Moretti—è incentrata sulla capacità di adattamento delle api selvatiche nelle città: i centri abitati sono più vivi che mai. E lo sappiamo grazie a questi preziosi insetti impollinatori non domestici. Gli agglomerati urbani costruiti dagli umani, quindi, non sono dei ‘buchi neri’ privi di biodiversità. Il reportage, completo di foto, videointerviste e infografica, è stato pubblicato sul sito internet e potete consultarlo all’indirizzo cdtlink.ch/api-citta .

Ascolta il podcast!
In questo articolo:
Correlati
Le città sono vive, lo sappiamo grazie alle api
Un gruppo internazionale di ricercatori, guidato dal ticinese Marco Moretti, ha analizzato il comportamento dei preziosi insetti impollinatori selvatici: «Hanno una capacità di adattamento inaspettata, non è vero che gli agglomerati urbani sono dei ‘buchi neri’ privi di biodiversità» – VIDEO