Forse ti sei perso
Il sito era stato bandito dall'autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni del Paese per non aver «bloccato o rimosso dei contenuti blasfemi»