Locarno

PolCom, i partiti chiedono chiarezza e trasparenza

I partiti si esprimono sull’agire di Esecutivo, dicastero Sicurezza e comandante dopo i risultati delle indagini amministrative ed il licenziamento di un agente
Dossier sempre caldo quello della Polizia comunale di Locarno anche per la politica. ©CdT/Chiara Zocchetti
Sul «dossier» PolCom, la politica locale si interroga, raccogliendo anche un certo disagio della popolazione. Abbiamo dunque fatto un giro d’opinioni tra i partiti, a cominciare dal PLR, che in città detiene la maggioranza relativa. Il presidente sezionale Stefano Lappe non ritiene che l’Esecutivo non sia intervenuto tempestivamente quando si sono manifestati i primi disagi all’interno del Corpo, riferiti in una lettera fatta pervenire a Palazzo Marcacci ad inizio anno: «Il Municipio ha avviato le inchieste — tuttora in corso — che reputava necessarie per chiarire le situazioni. Non ho elementi per ritenere che non abbia agito in maniera tempestiva», dice. Diametralmente opposta l’analisi di Marco Pellegrini, ex municipale e presidente del Centro (PPD), che si esprime anche...
Correlati