Senza Confini

La cooperazione internazionale è indispensabile per la ricerca

La settimana scorsa più di 250 ricercatori e appassionati di ornitologia, provenienti da 3 continenti, si sono incontrati a Lucerna
Il Fistione turco abbellisce il logo della conferenza EBCC di quest'anno. © Marcel Burkhardt
Red. Online
14.04.2022 08:49
Gli uccelli non conoscono confini, e le persone appassionate di ornitologia vivono in tutti i paesi e continenti. La settimana scorsa, più di 250 ricercatori e ricercatrici, provenienti da 3 continenti e quasi 50 paesi, si sono incontrati al Museo svizzero dei trasporti di Lucerna per la 22ª conferenza dell'European Bird Census Council (EBCC) che coordina il censimento degli uccelli a livello europeo. Come partner nazionale dell'EBCC, la Stazione ornitologica svizzera ha potuto organizzare questa conferenza.

Se si vuole studiare, proteggere e promuovere gli uccelli, è necessario sapere dove si riproducono e quali rotte migratorie utilizzano, motivo per cui la cooperazione internazionale oltre confine è essenziale. «Nei progetti EBCC, lavoriamo insieme come individui e organizzazioni...