Territorio

L’ombra di due ricorsi si allunga sul compostaggio

I Municipi di Torricella-Taverne e Ponte Capriasca hanno deciso di opporsi all’impianto che dovrebbe sorgere a cavallo tra i due Comuni – Contestato è il Piano di utilizzazione cantonale, approvato qualche mese fa dal Gran Consiglio
Nico Nonella
07.10.2022 06:00
Un rifiuto, anzi, due, ai… rifiuti. In cantiere ci sono due opposizioni di peso al nuovo impianto di compostaggio di importanza sovracomunale che dovrebbe sorgere a cavallo tra Torricella-Taverne e Ponte Capriasca, in località Caiscio. I due Esecutivi hanno infatti deciso di presentare ricorso al Tribunale cantonale amministrativo contro il Piano di utilizzazione cantonale (PUC), ossia lo strumento pianificatori che consente la realizzazione della la struttura. E proprio il fatto che siano stati i Municipi dei principali Comuni coinvolti ad opporsi non è un dato da poco. Ma se la decisione del 12 settembre di Ponte Capriasca era quasi scontata – il Comune aveva da tempo mostrato contrarietà –, a stupire è il fatto che il ‘niet’ sia arrivato, lo scorso 16 settembre anche da Torricella-Taverne,...
Correlati