Prato-Sornico

Un luogo d'incontro per gli anziani della Lavizzara

Il 17 gennaio aprirà i battenti il nuovo centro diurno di Pro Senectute ubicato nell'istituto scolastico
La struttura per la terza età è ubicata nel palazzo che ospita elementari ed asilo. © CdT/Archivio
Spartaco De Bernardi
Spartaco De Bernardi
03.01.2023 06:00

Un luogo d’incontro e di socializzazione per gli anziani della Lavizzara dove svolgere attività creative oppure, semplicemente, ritrovarsi per scambiare quattro chiacchiere sorseggiando un caffè. Questo vuole essere il nuovo Centro diurno socio-assistenziale di Pro Senectute che aprirà i battenti il prossimo 17 gennaio nell’edificio che ospita le scuole comunali a Prato-Sornico. L’iniziativa nasce da lontano. «Nel 2018, su stimolo del Consiglio comunale, venne istituita una commissione ad hoc incaricata di valutare la possibilità di aprire un centro diurno in valle» ricorda Chiara Donati, vice sindaca di Lavizzara. Nel corso del 2019 si sviluppò poi l’idea, in alternativa al progetto d’innalzamento della Residenza delle Betulle a Cevio, di edificare una nuova casa per anziani a Broglio. Struttura, quest’ultima, nella quale si sarebbe dovuto integrare anche il centro diurno per la terza età. «A causa della pandemia – spiega ancora Chiara Donati – lo sviluppo del progetto di casa per anziani a Broglio con centro diurno integrato subì una brusca battuta d’arresto». Progetto che venne poi definitivamente abbandonato all’inizio di quest’anno. Ma torniamo alla cronologia riguardante il centro diurno per anziani. Nel giugno 2020 la vicesindaca di Lavizzara venne contattata dalla responsabile del centro diurno socio-assistenziale di Maggia Valentina Gnesa per sondare il terreno sulla necessità di svolgere alcune attività rivolte a persone anziane residenti in valle. Una prima presa di contatto con la quale si chiedeva anche se vi fosse un locale dove proporre questo tipo d’offerta. La risposta del Municipio fu sin da subito più che positiva.

Via libera dal Cantone

Durante l’autunno la questione venne ulteriormente approfondita in diversi colloqui per poi giungere al marzo di quest’anno quando la vicesindaca Chiara Donati insieme al sindaco Gabriele Dazio si recarono a Bellinzona per definire con l’Ufficio anziani del Cantone la possibilità di aprire il centro diurno per anziani. Ottenuto il via libera, il progetto ha potuto essere definito nei dettagli individuando in particolare il luogo adatto ad accogliere la struttura: l’edificio delle scuole comunali a Prato-Sornico. E ora si è pronti a partire con questa iniziativa che è il frutto di una proficua sinergia tra il Comune e Pro Senectute, segnatamente le responsabili del centro diurno socio-assistenziale di Maggia del quale quello di Prato-Sornico è un’emanazione.

Attività da costruire insieme

«L’idea è quella non solo di avere un luogo dove svolgere varie attività, ma anche e soprattutto di costruire insieme agli utenti un programma che corrisponda alle loro esigenze ed ai loro desideri», rileva l’assistente sociale Oriana Togni, che insieme all’operatrice socio-assistenziale Sandy Bolli si occuperà della gestione del centro diurno. Centro la cui apertura è per il momento prevista due giorni la settimana, il lunedì e il giovedì dalle 9 alle 17. «Se dovessimo riscontrare un buon successo, non è escluso che si possano ampliare i giorni di apertura» aggiunge Togni, secondo la quale la collocazione del centro diurno nel palazzo scolastico permetterà di svolgere delle attività insieme ai bambini. Ma, come detto, il programma è tutto da costruire. Da qui l’appello a proporre attività e anche a mettersi a disposizione per l’animazione del centro. Intanto martedì 17 gennaio dalle 10 si terranno le porte aperte con la possibilità di gustare l’aperitivo. Sino alla fine del mese si potrà poi partecipare a un caffè narrativo (giovedì 19, dalle 9.30 alle 11) durante il quale si inizierà appunto a raccogliere idee per le attività future, oppure prodigarsi nell’abbellimento del centro (la mattina di martedì 24), senza dimenticare lo spettacolo di cabaret con Gianni Giannini (martedì 31 dalle 14 alle 15.30). Durante i giorni di apertura vi sarà anche la possibilità di pranzare in compagnia ad un prezzo modico. Non da ultimo, è stato organizzato un concorso per trovare il nome del centro. Le idee sono da inviare all’indirizzo e-mail [email protected] oppure da consegnare direttamente al centro.