Politica

Guido Sassi lascia il PLR (con polemica)

Da mercoledì il ristoratore ha ufficializzato la sua candidatura per il Gran Consiglio, spostandosi al Centro: «Ora sono nel partito giusto»
Guido Sassi, 70 anni, noto esercente della piazza luganese. © CdT/Archivio
Andrea Stern
20.11.2022 07:00
Geograficamente Guido Sassi è sempre stato al centro, in Piazza Riforma, il centro di Lugano che più centro non si può. Politicamente lo è da mercoledì, quando con la sua candidatura per il Gran Consiglio ha ufficializzato il passaggio dal Partito liberale radicale (PLR) al Centro.

Signor Sassi, era inevitabile.

«Sì, il centro è la mia casa».

Ma ancora nel 2021 si era candidato per il PLR.

«Io di base sono sempre stato un PLR».

Allora perché questo cambiamento?

«Il vestito del PLR non mi calza più a pennello. Mi sembra che il partito non abbia più un progetto, che sia un po’ allo sbando. Invece il Centro rappresenta ciò che la popolazione vuole: pragmatismo e concretezza».

Dica la verità: chi...