Gaming

Grounded, Scorn e LEGO Bricktales: tre giochi appena usciti

Una settimana arida di notizie eclatanti, quindi un’ottima opportunità per una panoramica su tre giochi originali e particolari usciti negli ultimi giorni
Paolo Paglianti
15.10.2022 21:00

Una settimana arida di notizie eclatanti, quindi un’ottima opportunità per una panoramica su tre giochi originali e particolari appena usciti.

Grounded

Il trailer di Grounded, dove le formiche e i ragnisono grossi come TIR

Il punto di incontra tra il film «Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi» e i giochi di ruolo d’autore del developer Obsdian, quello di Fallout New Vegas, NeverWinter Nights e Outer Worlds. Il mondo di gioco di Grounded è un giardino e i protagonisti sono un gruppo di ragazzini che uno scienziato svalvolato ha rimpicciolito ai minimi termini. Unendo le forze, il team di adolescenti mignon dovrà sopravvivere in un ambiente ostile popolato da enormi ragni, vespe mortali, e giganteschi fili d’erba, e scoprire come riacquistare la statura consona al genere umano. La storia è un semplice pretesto (ma intriso della tipica pungente ironia di Obsidian) per farci giocare in un’ambientazione allo stesso tempo originale e familiare. Alti pochi centimetri, dovremo ingegnarci per costruire asce, arco e freccia, capanne e combattere contro nemici spaventosi che generalmente sono poco più di un fastidio. Un gioco che, se vi catturerà, potrà impegnarvi anche per 50 o 100 ore, con un mix magistrale tra gioco di ruolo e survival. È disponibile per PC e Xbox, ed è inserito nell’abbonamento «all you can play» di Microsoft Game Pass: se lo avete sottoscritto, non vi costerà un centesimo extra.

Scorn

Il trailer mostruoso di Scorn

Magari non conoscete il geniale artista svizzero H. G. Giger, ma siamo certi che avrete visto lo xenomorfo di Alien con il suo aspetto allo stesso tempo sinuoso e mostruoso. Scorn si ispira dichiaratamente alle opere meccanico-aliene di Giger: il solitario e silenzioso protagonista esplorerà un mondo non solo alieno e terrificante, ma soprattutto «disturbante», con bambini fusi dentro macchine, tentacoli e tubi che si mischiano sulle pareti, armi biomeccaniche. Un’esperienza senza dubbio singolare, e riservata a un pubblico adulto e in grado di apprezzare il fascino quasi perverso delle atmosfere horror di Scorn. Si combatte con le orride creature che lo popolano, si risolvono enigmi astrusi e si cerca di sopravvivere, con il minimo comun denominatore di temere il peggio dietro l’angolo. Disponibile per PC e Xbox, anche Scorn è presente nell’offerta Game Pass di Xbox. Naturalmente, PEGI 18+ per «violenza estrema».

© Scorn
© Scorn

LEGO Bricktales

Il trailer di lancio di LEGO Bricktales: nascosti trai mondi ci sono anche dei piccoli “segreti”

I videogiochi LEGO, nel caso non lo sappiate, sono semplicemente meravigliosi. Negli ultimi 10 anni sono uscite le versioni con mattoncini danesi dei franchise cinematografici più celebri, dagli eroi Marvel a Indiana Jones, da Harry Potter a Batman. L’idea è sempre la stessa: un film con i suoi personaggi viene trasformato in un gioco di combattimenti (molto light) e puzzle (molto sfiziosi) ed è tenuto tutto assieme da un’ironia azzeccatissima.  Oltretutto, è sempre possibile giocare in due sulla stessa console, e questo rende le partite ai giochi LEGO perfette per match con fratellini/sorelline o genitori/figli davvero impareggiabili. Se volete provarne uno, il recente Star Wars – La Saga degli Skywalker è perfetto.

Brick Tales rappresenta però una variazione sul tema: troveremo un enorme parco divertimento diviso in 5 ambientazioni (foresta, set castello, set pirati e così via) che rischia la chiusura al pubblico. Per scongiurarla, dovremo attraversare queste ambientazioni e riparare tutto quello che non funziona perfettamente. Ogni «mondo» di gioco è rappresentato da una specie di diorama LEGO in cui potrete muovervi e risolvere dei piccoli enigmi che prevedono la costruzione di modellini con i mattoncini virtuali, chiacchierare e aiutare i personaggi che incontrerete, e naturalmente scovare citazioni e battute ironiche. La parte dell’esplorazione funziona bene, quella della costruzione dei modellini richiede un po’ più di pazienza all’inizio perché i controlli non sono immediati (soprattutto a causa della prospettiva). Consigliato ovviamente agli appassionati LEGO ma anche chi vuole mettersi alla prova (o proporre la sfida ai propri figli) con tanti enigmi e costruzioni che rispondono alle gravità e l’equilibrio, quasi fosse un test STEM. Disponibile per PC, Xbo, Nintendo Switch e PlayStation, PEGI 3+.

© LEGO
© LEGO
In questo articolo: