L'editoriale

Studiare non significa necessariamente imparare

In allegato al Corriere del Ticino, un numero di Illustrazione ticinese tutto dedicato alla formazione
Michele Castiglioni
19.05.2022 07:00
C’è chi ha fatto un apprendistato e chi una scuola professionale, chi ha fatto l’università e chi una formazione serale. C’è anche chi si è laureato all’università della vita - e spesso la sa più lunga di molti giovani freschi di studi. E sì, negli ultimi tempi ci sono anche sempre più laureati su Facebook, purtroppo. Dico purtroppo perché la conoscenza è una cosa seria, una responsabilità che si distribuisce su tutti i membri di una società. E il sistema formativo è (o dovrebbe esserlo) un importante metro con il quale misurare il grado di civiltà di un Paese. Ma spesso si tende a confondere il numero di informazioni che si mandano a memoria con la capacità di affrontare la realtà: finire una scuola, arrivare in fondo ad un percorso è sicuramente una tappa importante...