Mondo
La diretta

«Le truppe ucraine torneranno a Lysychansk» – Segui il live

È quanto affermato dal presidente ucraino Zelensky dopo il ritiro dei soldati – Secondo il sindaco di Zaporizhzhia, le truppe russe hanno torturato a morte il tecnico subacqueo dell'omonima centrale – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI
LIVE
«Le truppe ucraine torneranno a Lysychansk» – Segui il live
AtseRed. Online
04.07.2022 06:30
17:49
17:49
«A Mariupol mancano i medici»

«Non c'è assistenza medica a Mariupol, temporaneamente occupata dai russi. Da oggi, 4 luglio la città è rimasta senza medici». Lo riferisce su Telegram il consigliere del sindaco Petro Andryushchenko, secondo il quale i residenti di Mariupol sono tra la vita e la morte per la mancanza di acqua potabile e cibo.

A causa delle condizioni non igieniche della città, ogni giorno tra le 10 e le 15 persone mostrano i sintomi del colera o dissenteria, ma non vengono curate o semplicemente rimandate a casa, ha precisato Andryushchenko che in passato aveva già lamentato la mancano di medicine a Mariupol. Lo riporta l'Ukrainska Pravda.

15:57
15:57
Il combattente britannico condannato a morte in Donetsk presenta appello

Il britannico Aiden Aslin, condannato a morte da un tribunale della autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk, nell'Ucraina orientale, ha presentato appello. «Il ricorso in Cassazione contro il verdetto è stato presentato oggi», ha dichiarato a Interfax l'avvocato che lo rappresenta, Pavel Kosovan.

Aslin è stato condannato a morte il mese scorso insieme al britannico Shaun Pinner e al marocchino Brahim Saadoun per «attività mercenarie» mentre combattevano come stranieri per l'esercito ucraino contro le forze russe. Anche gli avvocati di Saadoun e Pinner avevano presentato l'appello nei giorni scorsi.

13:17
13:17
Putin: «Le forze che hanno liberato Lugansk si riposino»

Le truppe, che hanno condotto l'offensiva nel Lugansk, dovrebbero riposare e rafforzare le loro capacità. Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin, come riportano le agenzie russe.

Putin, che ha incontrato il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu dopo l'occupazione del regione del Donbass, ha proposto di premiare i militari che hanno partecipato. «Vi chiedo anche di consegnare i premi a tutti i militari che si sono distinti nel corso di queste ostilità», ha detto Putin.

13:05
13:05
«A Lysychansk più di 2.000 soldati ucraini uccisi»

Le perdite dell'esercito ucraino a Lysychansk, l'ultima città del Lugansk occupata dai russi, sono state di 5.000 persone, di cui più di 2.000 uccisi. Lo annuncia il ministero della Difesa russo, come riporta la Tass.

12:33
12:33
Blocco a Kaliningrad: «C'è attesa per la risoluzione della questione»

Sul blocco del transito delle merci verso la regione russa di Kaliningrad «c'è attesa per la risoluzione della questione, si spera per il meglio ma si prendono in considerazione vari scenari, compreso il peggiore». Così il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, come riporta Interfax, sullo scontro nato con la Lituania dopo lo stop alle merci verso l'enclave russa.

12:31
12:31
«I bielorussi in guerra solo se ci sono successi della Russia»

Il rischio di una partecipazione diretta della Bielorussia alla guerra in Ucraina a fianco della Russia aumenterà in proporzione ai possibili successi dell'esercito russo sul territorio dell'Ucraina. Lo ha affermato il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba in un'intervista a LB.ua.

«In primo luogo, la Russia sta già utilizzando il territorio bielorusso. Se parliamo dell'esercito bielorusso, penso che questo rischio aumenterà in proporzione ai possibili successi dell'esercito russo sul territorio dell'Ucraina. Finché l'esercito bielorusso sarà convinto del prevalere delle forze armate ucraine, rinvieranno il loro intervento in ogni modo possibile», ha affermato Kuleba.

Commentando l'attuale comunicazione diplomatica tra Ucraina e Bielorussia, il ministro ha osservato che «si tratta di contatti molto, molto limitati».

12:28
12:28
Troupe francese presa di mira da un bombardamento a Sloviansk

Una troupe del canale televisivo francese France 24, che stava girando un reportage a Sloviansk, è stata presa di mira durante il bombardamento avvenuto nella città ieri. Lo riferisce il servizio statale di emergenza dell'Ucraina, come riportano i media ucraini. I giornalisti sono rimasti illesi.

Secondo il servizio statale per le situazioni di emergenza, il lavoro dei giornalisti del canale televisivo francese France 24, che stavano facendo un reportage sul lavoro dei soccorritori ucraini nella regione di Donetsk, è stato interrotto dai bombardamenti.

11:59
11:59
Blocco del transito a Kaliningrad

Sul blocco del transito delle merci verso la regione russa di Kaliningrad «c'è attesa per la risoluzione della questione, si spera per il meglio ma si prendono in considerazione vari scenari, compreso il peggiore». Così il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, come riporta Interfax, sullo scontro nato con la Lituania dopo lo stop alle merci verso l'enclave russa.

11:35
11:35
«La soluzione per l'export del grano dipende dalla Russia»

La creazione di un corridoio marittimo per l'esportazione di prodotti agricoli ucraini dipende in gran parte dalla Russia. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, come riporta Tass.

«Le Nazioni Unite - afferma in un'intervista all'emittente NTV. - hanno un piano obiettivo e valido sulla questione, che prevede di soddisfare le esigenze di Russia e Ucraina in termini di esportazioni. L'attuazione di questo piano consentirà di portare il grano ucraino sui mercati globali, ma non sarà possibile creare percorsi sicuri finché l'area non sarà bonificata dalle mine. Trovare una soluzione dipende in gran parte dalla Russia. Vorremmo trovare una soluzione che tenga conto degli interessi sia dell'Ucraina che della Russia».

11:33
11:33
NATO: domani la firma dei protocolli di adesione di Finlandia e Svezia

I protocolli per l'adesione della Finlandia e della Svezia alla NATO saranno firmati domani dai partner dell'Alleanza nella sede del quartier generale di Bruxelles. Lo ha reso noto la stessa NATO.

Dopo la firma, verso le 11.30, il segretario generale della NATO Jans Stoltenberg e i ministri degli esteri dei due Paesi che entreranno a far parte dell'Alleanza, Pekka Haavisto per la Finlandia e Ann Linde per la Svezia, terranno una conferenza stampa congiunta.

11:31
11:31
Papa Francesco: «Vorrei andare a Kiev e anche a Mosca, ora è possibile»

«Vorrei andare in Ucraina, e prima volevo andare a Mosca. Ci siamo scambiati messaggi su questo perché ho pensato che se il presidente russo mi avesse dato una piccola finestra per servire la causa della pace...». Lo ha detto il Papa a Reuters.

«E ora è possibile, dopo essere tornato dal Canada, è possibile che riesca ad andare in Ucraina», ha detto. «La prima cosa è andare in Russia per cercare di aiutare in qualche modo, ma mi piacerebbe andare in entrambe le capitali».

10:35
10:35
«Al tavolo dei negoziati solo dopo un cessate il fuoco»

«Cessate il fuoco. Ritiro delle Z-truppe (di Mosca, ndr). Ritorno dei cittadini deportati. Estradizione dei criminali di guerra. Meccanismo di risarcimenti. Riconoscimento dei diritti sovrani dell'Ucraina. La controparte russa conosce bene le nostre condizioni. Il capo di Peskov non deve preoccuparsi, verrà il tempo e le registreremo sulla carta».

Sono le condizioni per negoziare esposte dal consigliere del presidente ucraino Zelensky, Mykhailo Podolyak, che ha replicato su twitter alle parole del portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, che ieri aveva detto che l'Ucraina «deve capire le condizioni della Russia, accettarle, sedersi a un tavolo negoziale, e firmare un documento».

10:14
10:14
La Turchia si oppone a Svezia e Finlandia se non rispettano l'accordo

La Turchia si opporrà all'entrata di Svezia e Finlandia nell'Alleanza Atlantica se i Paesi scandinavi non rispetteranno l'accordo firmato con Ankara al vertice NATO di Madrid. «Devono attenersi al documento, se non lo fanno non li accetteremo nella NATO» ha affermato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu come riporta Anadolu.

La scorsa settimana, Ankara ha appoggiato la candidatura di Helsinki e Stoccolma nell'Alleanza atlantica sulla base di un memorandum di intesa che chiede ai Paesi scandinavi un distanziamento da gruppi ritenuti terroristi dalla Turchia e l'estradizione di sospetti militanti.

10:10
10:10
«Diecimila civili rimasti a Lysychansk»

Circa 8.000 civili sono rimasti a Severodonetsk e circa 10.000 a Lysychansk, occupata ieri definitivamente dai russi. Lo afferma su Telegram il governatore ucraino del Lugansk Sergei Gaidai. «Manteniamo la difesa di una piccola parte della regione di Lugansk in modo che i nostri militari abbiano il tempo di costruire le difese», ha affermato Gaidai.

09:40
09:40
«Dopo Lysychansk i russi si concentreranno sul Donetsk»

Le truppe russe, dopo aver catturato la città di Lysychansk nella regione di Lugansk, probabilmente lanceranno le loro forze per prendere il controllo della regione di Donetsk. Lo afferma il rapporto quotidiano dell'intelligence britannica, come riporta Ukrainska Pravda.

«La città - scrive l'intelligence britannica - era l'ultimo grande centro abitato della regione di Lugansk che è rimasto sotto il controllo dell'Ucraina. Ora l'attenzione della Russia si volgerà quasi sicuramente alla conquista della regione di Donetsk, la maggior parte della quale rimane sotto il controllo delle forze ucraine», afferma il rapporto.

Si sottolinea inoltre che l'invasione della Russia continua ad avere un effetto devastante sul settore agricolo dell'Ucraina. La guerra ha portato a gravi interruzioni nelle catene di approvvigionamento di sementi e fertilizzanti da cui dipendono gli agricoltori ucraini. Il blocco russo di Odessa, scrive l'intelligence GB, continua a limitare seriamente le esportazioni di grano dall'Ucraina. Per questo motivo, è improbabile che l'esportazione di prodotti agricoli dell'Ucraina nel 2022 superi il 35% del volume totale del 2021.

«Dopo essersi ritirata dall'Isola dei Serpenti, un avamposto sul Mar Nero, la Russia ha erroneamente dichiarato che 'la palla è ora nel campo dell'Ucraina' in termini di miglioramento delle esportazioni di grano. In effetti, è l'interferenza della Russia nel settore agricolo ucraino che continua ad esacerbare il crisi alimentare globale», si legge nel rapporto.

09:25
09:25
Francia: una moratoria sull'espulsione degli studenti ucraini

Il governo francese ha stabilito una moratoria sull'espulsione degli studenti stranieri che si sono rifugiati in Francia dopo essere fuggiti dalla guerra in Ucraina. Lo ha reso noto l'esecutivo, menzionando anche un aiuto finanziario per le persone che ospitano gli ucraini.

Questa moratoria, «fino a settembre per il caso specifico degli studenti», è stata adottata il 17 giugno ed è stata oggetto di una «decisione interministeriale», ha spiegato l'esecutivo, confermando le affermazioni, pubblicate da Le Monde, del prefetto Joseph Zimet, che dirige l'unità di crisi interministeriale sull'accoglienza degli ucraini.

07:17
07:17
«89 atleti ucraini morti in guerra»

«Molti sportivi ucraini si sono uniti alle forze armate ucraine per difendere il nostro Stato, difenderlo sul campo di battaglia. 89 atleti e allenatori sono morti per le ostilità. 13 sono stati catturati e sono attualmente prigionieri della Russia». Lo ha annunciato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante un incontro a Kiev con il presidente del Comitato olimpico internazionale, Thomas Bach. Lo riporta Ukrinform.

«L'invasione della Russia ha assestato un duro colpo agli sport ucraini. Più di 100'000 atleti ucraini non hanno l'opportunità di allenarsi oggi - ha aggiunto Zelensky -. Molte infrastrutture sono state distrutte».

06:30
06:30
Il punto alle 06.00

Nel corso della scorsa serata, l'esercito ucraino ha annunciato il ritiro da Lysychansk, l'ultima roccaforte di Kiev nell'oblast di Lugansk, nell'est del Paese, dopo settimane di duri combattimenti con le forze russe. Il presidente Volodymyr Zelenskyy nel suo tradizionale discorso serale ha voluto rassicurare il suo popolo annunciando che le truppe ucraine torneranno a Lysychansk grazie alla tattica e alla fornitura di armi moderne. «Proteggiamo la vita dei soldati e del nostro popolo. Ricostruiremo le mura e riconquisteremo la terra e questo vale anche per Lysychansk», ha detto, dove «torneremo grazie alle nostre tattiche, aumentando la fornitura di armi moderne».

Nel frattempo, le forze russe hanno torturato a morte il tecnico subacqueo della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, secondo il sindaco della città ucraina sudorientale citato dal Kyiv Independent. Enerhodar Dmytro Orlov afferma che Andrii Honcharuk è arrivato in coma in ospedale dopo essere stato brutalmente picchiato dai russi per essersi rifiutato di tuffarsi nella piscina dell'impianto ed è morto ieri.

L'ambasciatore siriano in Russia, Riad Haddad, ha detto all'agenzia Tass che gli Stati Uniti e la Turchia inviano in Ucraina combattenti dell'Isis e di altri gruppi islamisti. «Non siamo sorpresi che mandino militanti delle organizzazioni terroristiche Isis e Jabhat al-Nusra da Idlib in Ucraina, perché questi gruppi sono strumenti usati dall'Occidente contro i popoli pacifici», ha affermato il diplomatico.