L'intervista

«Sarò sempre un pilota, anche se ero troppo alto per la Formula Uno»

Dopo anni e anni di onorata carriera Joël Camathias ha detto basta: «La velocità e l'adrenalina mi mancheranno, ma sono sereno»
Marcello Pelizzari
27.10.2022 09:30
«Sarò per sempre un pilota. Anche quando dormo. Sì, sarò un pilota che dorme». Joël Camathias ha detto basta. A 41 anni suonati, nonostante un fisico e una verve invidiabili, il ticinese ha – sue parole – messo un punto su una carriera lunga, lunghissima. E ricca di successi e soddisfazioni. Lo abbiamo intervistato.

Joël, perché calare il sipario proprio ora, dopo tanti anni di accelerate?
«Tanti anni, sì. Quasi trenta: nel 2024 sarebbero stati trenta esatti. Ho deciso di mettere un punto dopo un anno sabbatico non voluto, nel senso che avevo tentato di trovare un ingaggio per la stagione 2022. Però, ecco, per tutto questo tempo sono rimasto sereno. Pensavo che l’astinenza dalle corse sarebbe stata diversa, invece l’ho avvertita in maniera blanda. Le attività...