Il punto

«Italia, un Paese impaurito che scommette sulla destra»

Secondo l'analista statunitense Alan Friedman, il governo che sta per insediarsi a Roma sarà quello più a destra dopo Mussolini: «Un popolo che non ha imparato nulla dalla Storia»
«Gli italiani si sono spaventati e si sono lasciati convincere da alcuni politici che Draghi non era la soluzione»
Jona Mantovan
26.09.2022 21:00
«Cento anni dopo la marcia su Roma di Mussolini, nel 1922, gli italiani del 2022 non hanno imparato nulla dalla Storia». Alan Friedman è impietoso, alla richiesta di esprimere un giudizio sulla vittoria di Giorgia Meloni alle elezioni politiche italiane di questa domenica, con il suo partito – quello più a destra, Fratelli d’Italia – al 26% delle preferenze. L'analista politico statunitense e naturalizzato italiano sta seguendo con estrema attenzione da Roma l'evoluzione dello scrutinio. Ha appena concluso alcune corrispondenze con BBC, CNN e Al Jazeera. Il mondo vuole capire le ragioni di questa netta ‘sterzata a destra’. «La tendenza a trovare qualcuno di nuovo, una persona forte, nazionalista e che ha in mano la soluzione, evidentemente, ha fatto presa sugli elettori». Una...
Correlati
L'addio amaro di Enrico Letta
Il leader del Partito Democratico non si candiderà al prossimo Congresso – Ora, focus sull'opposizione al governo che verrà: «Il PD non permetterà che l’Italia esca dal cuore dell’Europa»